Martedì, Novembre 21, 2017

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Conciliazione lavoro famiglia: bando 2011 per imprese

Conciliazione lavoro e famiglia nelle imprese: presentato il nuovo bando 2011 da 15 milioni di euro per le Pmi che avvieranno progetti volti a migliorare il coordinamento tra i tempi lavorativi e di vita privata. Alcuni esempi: part-time, telelavoro, flessibilità sui turni, orario breve e concentrato, banca delle ore, rientro agevoltato dal congedo di maternità o paternità, sostegno alla genitorialità, baby sitting.

Lo prevede il bando di finanziamento (legge 53/2000) appena presentato dal sottosegretario alle Politiche della famiglia, Carlo Giovanardi, sottolineando che «le politiche di conciliazione sono un fattore di innovazione nei modelli sociali».

Tra le novità del bando 2011 (leggi il Regolamento attuativo) c'è l'ampliamento delle tipologie di soggetti beneficiari: «il 90% delle risorse è riservato ai lavoratori dipendenti, pubblici o privati, iscritti in pubblici registri, e il 10% a lavoratori autonomi e professionisti che abbiano l'esigenza di farsi sostituire per un periodo massimo di 12 mesi, per accudire figli minori o disabili».

Bonus assunzioni per il Sud

Lo scorso 5 maggio il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al Decreto Sviluppo. Molte le novità, di cui alcune volte a stimolare il sistema produttivo delle piccole e medie imprese. Tra queste anche il bonus fiscale sotto forma di credito d'imposta, da utilizzare anche in compensazione in fase di versamento di imposte e tributi. L ' agevolazione è rivolta esclusivamente alle imprese del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) che assumono lavoratori svantaggiati o molto svantaggiati.

Requisiti dei "lavoratori svantaggiati": assenza di un impiego regolarmente retribuito per sei mesi dalla data di nuova assunzione; mancanza di un diploma di scuola media superiore o di un diploma professionale; superamento del cinquantesimo anno di età; presenza di un nucleo familiare contenente una o più persone a carico; specializzazione in settori o professioni contraddistinte dalla presenza di un elevato tasso di disparità uomo-donna; appartenenza ad una minoranza nazionale.

Rientrano tra i lavoratori "molto svantaggiati" coloro che posseggano i medesimi requisiti ma che siano senza lavoro da almeno 24 mesi.

Chiunque assuma con un contratto a tempo indeterminato un soggetto facente parte della prima categoria avrà diritto ad una agevolazione pari al 50% dei costi salariali sostenuti nei successivi 12 mesi per quel lavoratore.

Chi assume un soggetto della seconda categoria potrà contare su un'agevolazione del 50% dei costi salariali, ma non più per solo 12, ma per i successivi 24 mesi.

Hanno diritto all'agevolazione: ditte individuali, lavoratori autonomi, società di capitali, società di persone, cooperative, enti pubblici e privati, liberi professionisti e persone fisiche risiedenti nelle aree svantaggiate citate in precedenza.

Leggi tutto: Bonus assunzioni per il Sud

SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI: SPECIFICAZIONI

 Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione n.73 del 23 aprile 2010 il provvedimento deliberativo con cui si apportano specificazioni in merito al sistema di certificazione di sostenibilità degli edifici a destinazione residenziale, in applicazione della legge regionale "Norme per l'abitare sostenibile". 

Il sistema di certificazione, approvato con delibera G.R. n.2272/2010, riguarda le procedure di accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio della certificazione, il rapporto con la certificazione energetica e l’integrazione del sistema valutativo delle stesse richieste di accreditamento.

Fonte: sistema.puglia.it

TARANTO SERA - PIÙ PANNELLI SUI TETTI. UNA PIOGGIA DI SOLDI

 I pannelli fotovoltaici sbarcano sugli edifici pubblici. La Giunta regionale della Puglia ha approvato ieri un provvedimento che spiana la strada nella direzione di uno sviluppo più sostenibile delle rinnovabili. Si tratta di un disciplinare che permetterà alle imprese che si occupano di energia di essere inserite nell'albo regionale dei locatari di aree e di edifici pubblici da destinare alla realizzazione di impianti fotovoltaici.

Possono essere inseriti nell'albo gli imprenditori individuali (anche artigiani), le società commerciali, le società cooperative, i consorzi stabili, i raggruppamenti temporanei di concorrenti, i soggetti che abbiano stipulato il contratto di gruppo europeo di interesse economico, gli operatori economici stabiliti in altri Stati membri purchè abilitati e iscritti al registro delle imprese delle Camere di Commercio o, se stranieri, nel registro professionale dello Stato di residenza. Saranno i Comuni o le Province ad affittare aree e tetti di edifici pubblici agli imprenditori perchè le dotino di pannelli solari.

Il meccanismo attivato funziona con il coinvolgimento delle Aree Vaste. [...]

 

Fonte: Taranto Sera

IL SOLE 24ORE SUD - SUSSIDI ALLE ONLUS E AI DISOCCUPATI

 Tutela del territorio e interventi sociali per sviluppare il terzo settore pugliese. Sono gli obiettivi per l'annualità 2010 del bando "Piccoli sussidi" (P.o. Puglia 2007/2013 del Fondo sociale europeo. Assi 1,3 e 4, in linea con le strategie di Lisbona e di Nizza di sostegno a organizzazioni senza fini di lucro impegnate in promozione e integrazione sociale dei soggetti svantaggiati. Il bando, da sei milioni, è destinato ai soggetti con sede operativa in Puglia che possono presentare domanda di finanziamento a valere sulle azioni 1, 2 e 3 per progetti finalizzati a sostenere servizi reali e finanziari, sviluppo di attività imprenditoriali, auto-impiego e inclusione lavorativa e cioè: imprese sociali (definite dal Dl 155/06) associazioni di promozione sociale, cooperative sociali, associazioni di volontariato che abbiano il riconoscimento di Onlus e che siano iscritte negli appositi registri regionali o nazionali, organizzazioni non governative (Ong), organismi di carattere privato senza scopo di lucro con riconoscimento di Onlus, forme di partenariato locale con tra le finalità la lotta all'emarginazione attraverso l'inclusione sociale e lavorativa. I destinatari dovranno essere disoccupati giovani e adulti con più di 45 anni, donne, lavoratori iscritti alle liste di mobilità, immigrati regolari e tutti i soggetti svantaggiati a rischio di esclusione sociale (articolo 2, lettera k, del DlL.gs 76/03). Gli interventi finanziabili devono mirare a: incentivare innovazione tecnologica e rafforzamento qualità dei servizi con somme da 25 a 35mila euro, creare nuove imprese sociali per l'autoimpiego dei soggetti svantaggiati (35 mila). Importi variabili da 12mila a 35mila euro andranno a progetti di inclusione lavorativa.[...]

 

Fonte: Il Sole 24Ore Sud

 

COSTRUIRE EDIL LEVANTE - BARI, DAL 22 AL 25 APRILE 2010

  Si svolgerà a Bari, dal 22 al 25 aprile 2010, la sesta edizione della biennale internazionale COSTRUIRE Edil Levante, fiera dell’edilizia di riferimento per il Sud Italia.

La Regione Puglia, Area Politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l’Innovazione parteciperà alla manifestazione con un proprio spazio espositivo istituzionale, “Spazio Puglia” per presentare agli operatori italiani ed esteri la struttura e le specializzazioni del settore dell’edilizia in Puglia, nonché l’evoluzione dell’esperienza del Distretto Produttivo dell’Edilizia Sostenibile Pugliese. Inoltre, in occasione di questo evento, in data 23 aprile 2010 ore 15.00, presso lo “Spazio Puglia” (Padiglione 18, Stand 84/A), si terrà il workshop “L’abitare sostenibile. Dalla sperimentazione alla prassi operativa agli sviluppi”, organizzato dalla Regione Puglia, in collaborazione con l’Assessorato all’Assetto del Territorio, e con il supporto operativo dello SPRINT Puglia. La partecipazione al seminario è gratuita, previa conferma di partecipazione.

Per informazioni ed adesioni, contattare: SPRINT Puglia (tel: 080.5743103; fax: 080.5759587; e-mail: sprint@regione.puglia.it).

 

Fonte: SPRINT Puglia

CONSIGLIO DEI MINISTRI: APPROVATE NUOVE NORME PER ACCELERARE I BREVETTI

  Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola ha approvato il decreto legislativo di revisione del Codice della proprietà intellettuale che prevede regole più semplici per facilitare e accelerare i brevetti.
Viene introdotta, in particolare, la protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche e il diritto di brevettare per i ricercatori universitari, qualora l'Università o altri centri di ricerca pubblici non abbiano provveduto entro sei mesi. Una norma riconosce ai Comuni la possibilità di ottenere il riconoscimento di un marchio da utilizzare anche per valorizzare commercialmente il proprio patrimonio culturale, storico, architettonico e ambientale.
"Con questo provvedimento - ha spiegato il Ministro Claudio Scajola - intendiamo stimolare la brevettazione, offrendo nuove opportunità ai ricercatori, e accentuare l'utilizzo industriale delle invenzioni brevettate, per intensificare l'innovazione del sistema produttivo e contribuire così alla competitività del nostro Paese e al rafforzamento della ripresa economica". Le integrazioni e le correzioni apportate al Codice dal Consiglio dei Ministri passano ora all'esame delle Commissioni Parlamentari competenti, del Consiglio di Stato e della Conferenza Unificata e dovranno essere adottate definitivamente entro il 15 agosto prossimo.

 

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione