Sabato, Maggio 26, 2018

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

SCHEDA AIUTI ALLE IMPRESE INNOVATIVE DI NUOVA COSTITUZIONE

Obiettivi prioritari dell'intervento "aiuti alle piccole e micro imprese innovative di nuova costituzione", adottato in base al Regolamento Regionale n. 20/2008, sono:

stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati delle ricerche condotte nell'ambito dei settori industriali strategici per lo sviluppo del territorio pugliese (materiali avanzati, logistica avanzata, aerospazio e aeronautica, meccatronica, ICT, ambiente e risparmio energetico, salute dell'uomo e biotecnologie, agroalimentare);

·         attenuare gli effetti delle inefficienze presenti nel mercato dei capitali e del credito, con maggiore attenzione all'idea d'impresa e alla coerenza fra gruppo proponente e progetto imprenditoriale, oltre che alla solidità patrimoniale dell'azienda;

·         porre il piano di impresa al centro dell'attività di istruttoria e valutazione. Saranno valutati non solo la qualità e la coerenza tecnica dell'attività di ricerca e sviluppo, ma anche la capacità dell'iniziativa di autosostenersi nel tempo in termini economico-finanziari e organizzativi e la sua attitudine a generare processi di integrazione con Università, Enti Pubblici di Ricerca e Distretti Tecnologici nella filiera della conoscenza;

·         favorire la localizzazione nel territorio pugliese di iniziative ad alto contenuto di conoscenza, anche attraverso l'attrazione di nuove imprese che valorizzino i risultati di ricerche condotte in laboratori extraregionali.

Beneficiari dell'intervento di sostegno sono micro e piccole imprese innovative che non siano costituite da più di sei mesi alla data della presentazione della domanda (per data di costituzione si intende la data dell'atto costitutivo). Le imprese, che posseggano il requisito di autonomia e non collegamento con altre aziende, dovranno essere costituite nella forma di società con sede legale e operativa in Puglia

a) Microimpresa: imprese che occupano meno di 10 dipendenti e realizzano un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di Euro;

b) Piccola impresa: impresa che occupa meno di 50 dipendenti e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiore a 10 milioni di euro di nuova costituzione, a condizione che siano inattive e non siano state costituite in data antecedente a 6 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione.

Obiettivo di sistema è rendere l'intervento una misura strutturale e permanente nell'ambito degli interventi regionali di sostegno alla ricerca e innovazione.La dotazione finanziaria iniziale è pari a 5 mln di euro. È prevista la modalità di presentazione "a sportello" a partire dal 15/03/2010.

La misura finanzia le spese di investimento (materiali e immateriali) e alcune categorie di spese di gestione (fra le quali le spese per il personale) per i primi 3 anni di vita dell'impresa, fino ad un massimo di € 1.200.000 per ciascuna impresa finanziata.
Le domande dovranno essere presentate anche per via telematica attraverso il portale www.sistema.puglia.it .

Fonte: www.sistema.puglia.it

SCHEDA AIUTI ALLE IMPRESE INNOVATIVE DI NUOVA COSTITUZIONE

Obiettivi prioritari dell'intervento "aiuti alle piccole e micro imprese innovative di nuova costituzione", adottato in base al Regolamento Regionale n. 20/2008, sono:

stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati delle ricerche condotte nell'ambito dei settori industriali strategici per lo sviluppo del territorio pugliese (materiali avanzati, logistica avanzata, aerospazio e aeronautica, meccatronica, ICT, ambiente e risparmio energetico, salute dell'uomo e biotecnologie, agroalimentare);

·         attenuare gli effetti delle inefficienze presenti nel mercato dei capitali e del credito, con maggiore attenzione all'idea d'impresa e alla coerenza fra gruppo proponente e progetto imprenditoriale, oltre che alla solidità patrimoniale dell'azienda;

·         porre il piano di impresa al centro dell'attività di istruttoria e valutazione. Saranno valutati non solo la qualità e la coerenza tecnica dell'attività di ricerca e sviluppo, ma anche la capacità dell'iniziativa di autosostenersi nel tempo in termini economico-finanziari e organizzativi e la sua attitudine a generare processi di integrazione con Università, Enti Pubblici di Ricerca e Distretti Tecnologici nella filiera della conoscenza;

·         favorire la localizzazione nel territorio pugliese di iniziative ad alto contenuto di conoscenza, anche attraverso l'attrazione di nuove imprese che valorizzino i risultati di ricerche condotte in laboratori extraregionali.

Beneficiari dell'intervento di sostegno sono micro e piccole imprese innovative che non siano costituite da più di sei mesi alla data della presentazione della domanda (per data di costituzione si intende la data dell'atto costitutivo). Le imprese, che posseggano il requisito di autonomia e non collegamento con altre aziende, dovranno essere costituite nella forma di società con sede legale e operativa in Puglia

a) Microimpresa: imprese che occupano meno di 10 dipendenti e realizzano un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di Euro;

b) Piccola impresa: impresa che occupa meno di 50 dipendenti e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiore a 10 milioni di euro di nuova costituzione, a condizione che siano inattive e non siano state costituite in data antecedente a 6 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione.

Obiettivo di sistema è rendere l'intervento una misura strutturale e permanente nell'ambito degli interventi regionali di sostegno alla ricerca e innovazione.La dotazione finanziaria iniziale è pari a 5 mln di euro. È prevista la modalità di presentazione "a sportello" a partire dal 15/03/2010.

La misura finanzia le spese di investimento (materiali e immateriali) e alcune categorie di spese di gestione (fra le quali le spese per il personale) per i primi 3 anni di vita dell'impresa, fino ad un massimo di € 1.200.000 per ciascuna impresa finanziata.
Le domande dovranno essere presentate anche per via telematica attraverso il portale www.sistema.puglia.it .

Fonte: www.sistema.puglia.it

ZAIA: APPROVAZIONE DDL FARMER MARKET

Vendita diretta di frutta e ortaggi di qualità da parte degli imprenditori agricoli del territorio di produzione, con abbattimento dei costi di trasporto delle merci e conseguente diminuzione di traffico e inquinamento. Questi sono, in poche parole, gli elementi salienti che caratterizzano i Farmer market, i mercati agricoli di vendita diretta.

Il provvedimento, ferme restando le norme in materia di sicurezza alimentare, definisce i principi fondamentali in materia di mercati agricoli riservati alla vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli, promuove la domanda e l'offerta dei prodotti agricoli a chilometro zero, provenienti da filiera corta, e dei prodotti agricoli di qualità, nonché lo sviluppo locale e una migliore conoscenza delle caratteristiche dei processi di trasformazione e delle tradizioni produttive e  persegue i seguenti obiettivi:

 - stabilire i requisiti uniformi e gli standard per la realizzazione dei mercati agricoli riservati alla vendita diretta degli imprenditori agricoli, anche in riferimento alle modalità di vendita e alla trasparenza dei prezzi, alla sicurezza alimentare, alla tracciabilità dei prodotti agricoli e del percorso chilometrico, con preferenza dei prodotti agricoli che abbiano un legame con il territorio di produzione;

 - promuovere la conoscenza e il consumo di prodotti agricoli ottenuti nel rispetto dell'ambiente o legati alla tradizione e alla cultura rurale;

 -  incentivare, a mezzo delle attività delle pubbliche amministrazioni competenti, la diffusione e il successo dei mercati agricoli di vendita diretta nell'interesse dei consumatori finali

 

Fonte: Mipaaf

 

 

 

 

IMPRESA LAVORO 2010

L'iniziativa si propone di illustrare, attraverso la partecipazione ad incontri e workshop sui temi della formazione e del lavoro, le possibilità oggi a disposizione dei giovani per valorizzare ed affinare le proprie competenze, per intraprendere attività professionali in proprio o per ricerca una prima occupazione in linea con le proprie attitudini ed aspettative.

Il Salone coinvolgerà le Istituzioni della provincia jonica (sono in corso le richieste di patrocinio al Comune e alla Provincia di Taranto, alla Regione Puglia, al Ministero della Pubblica Istruzione e all'Ufficio Scolastico regionale) e si arricchirà del contributo offerto da imprese ed enti di formazione di livello nazionale per offrire ai partecipanti utili indicazioni sulle competenze professionali richieste da un mercato sempre in continua evoluzione.

L'evento consentirà quindi ai partecipanti di entrare in diretto contatto con le istituzioni, gli enti di formazione e le primarie aziende del mercato visitando gli stand appositamente allestiti, inserendo il proprio curriculum vitae in banche dati.

La manifestazione, la cui partecipazione sarà libera e gratuita, è destinata agli studenti delle scuole superiori ed universitari della provincia di Taranto, con particolare riferimento ai neo-diplomati ed ai neo-laureati.

 

Fonte: http://www.impresalavoro.ta.it/

TARANTO SERA - LA REGIONE INVESTE SUL TURISMO, 25 MILIONI PER LE IMPRESE

Venticinque milioni per le piccole imprese che si occupano di turismo. A metterli a disposizione è il nuovo Avviso promosso dalla Regione Puglia in favore delle imprese piccole e piccolissime che intendono investire per fornire servizi nel campo del turismo e della valorizzazione dei beni culturali e delle risorse ambientali.
I potenziali fruitori sono in Puglia oltre 10milioni di aziende attive. L'Avviso intitolato '"Aiuti agli investimenti iniziali alle piccole imprese operanti nel settore turistico" è un capitolo nuovo nella manovra anticrisi varata dalla Regione, "entra in un settore, il turismo, che pur avendo risentito meno di altri comparti della congiuntura economica negativa, va potenziato e sostenuto soprattutto nella componente micro e piccole imprese, che rappresentano in Puglia più del 99% delle aziende attive". Uno scenario produttivo ampio perché per essere definite tali, le imprese devono occupare da 0 a 49 persone. Cresce notevolmente il numero di persone destinatarie degli aiuti, mentre gli investimenti saranno più certi: l'avviso é infatti legato alla richiesta di un mutuo e per di più è a sportello, quindi non si chiude fino all'esaurimento delle risorse.
L`avviso é stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia n.37 del 25 febbraio 2010. Le imprese possono inoltrare le domande a partire dal 15 marzo 2010. La dotazione finanziaria complessiva potrà essere implementata da ulteriori fondi che si rendessero successivamente disponibili.

Fonte: Taranto Sera

SEMINARIO DEL CICLO “LA SETTIMANA BIO IN PUGLIA” –TARANTO 8 MARZO 2010

La settimana bio in Puglia: l’agricoltura biologica tra nuovi adempimenti normativi e opportunità di mercato”, un ciclo di seminari di approfondimento rivolti ai produttori pugliesi, sugli obblighi e opportunità derivanti dal nuovo regolamento CE 834/07 e 889/08, sulle nuove regole di certificazione ed etichettatura, sull’applicazione del PSR 2007/2012, sulla filiera corta e sul mercato biologico nazionale e estero.

I seminari, che si terranno a Bari, Ostuni, Foggia, Minervino Murge, Taranto e Lecce, secondo il calendario allegato, intendono coinvolgere le imprese agricole e agroalimentari pugliesi in una riflessione sul ruolo che il biologico può giocare in Puglia, sia in termini di riqualificazione dell’ambiente e del paesaggio agricolo che in termini di opportunità di mercato, considerato che tale comparto è uno dei pochi, nell’agroalimentare, a registrare un trend di consumi internazionali positivo.

Il seminario di Taranto si svolgerà presso la Cittadella delle imprese in data 8 Marzo 2010.

Programma, scheda di adesione e calendario sono disponibili su: www.camcomtaranto.com

Fonte: unioncamerepuglia.it

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

E' stato pubblicato, con Determinazione del Dirigente Servizio Ricerca e Competitività n. 83 del 12 febbraio 2010, nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 37 del 25 febbraio 2010, l'Avviso Pubblico Titolo II Aiuti agli investimenti iniziali alle piccole imprese operanti nel Settore Turistico. Obiettivo del bando è favorire lo sviluppo delle attività economiche delle piccole imprese turistiche facilitando l'accesso al credito.

L'intervento è rivolto alle Piccole imprese che occupano meno di 50 dipendenti e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiori a 10 milioni di euro e che appartengano alle Sezioni delle attività economiche ATECO 2007, elencate nel bando.

Le richieste di agevolazione devono riguardare progetti di investimento iniziale di importo minimo pari a 30mila euro, destinati a:

a.    l'ampliamento, l'ammodernamento e la ristrutturazione delle strutture turistico - alberghiere, ivi comprese le strutture di servizi funzionali allo svolgimento dell'attività (quali bar, palestre, piscine, centri benessere, ecc.) nonché gli interventi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche, al rinnovo e aggiornamento tecnologico, al miglioramento dell'impatto ambientale;

b.    b. la realizzazione di strutture turistico - alberghiere attraverso il recupero ed il restauro di una pluralità di trulli e case rurali esistenti, antiche masserie, torri e fortificazioni, castelli, immobili di particolare pregio storico - architettonico, compresa la realizzazione di strutture di servizi di cui al punto precedente;
c. la realizzazione o l'ammodernamento degli stabilimenti balneari, ivi compresi gli spazi destinati alla ristorazione e alla somministrazione di cibi e bevande, ai parcheggi ed ai punti di ormeggio;

d. la realizzazione e/o la gestione di approdi turistici.

Le domande devono essere presentate ai Soggetti Finanziatori a partire dal 15 marzo 2010.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione