Sabato, Maggio 26, 2018

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

RICERCA INDUSTRIALE: 565 MILIONI PER PROGETTI DI INNOVAZIONE

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca promuove progetti di ricerca industriale su specifici ambiti e settori prioritari nelle regioni dell'Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Le proposte vanno presentate entro il 9 aprile 2010. Le risorse a disposizione, a valere sul PON Ricerca e competitività 2007-2013, sono pari a 465 milioni di euro, così suddivise:

·       Regione Calabria: 80 milioni

·       Regione Campania: 145 milioni

·       Regione Puglia: 150 milioni

·       Regione Siciliana: 90 milioni

I progetti possono prevedere, oltre alla ricerca industriale, anche attività non preponderanti di sviluppo sperimentale e iniziative di formazione di ricercatori e tecnici di ricerca.

Possono presentare domanda di cofinanziamento le piccole e medie imprese, le imprese artigiane, le grandi imprese, i consorzi e le società consortili, i centri di ricerca e i parchi scientifici e tecnologici.

Inoltre, tutti i soggetti ammissibili (esclusi i parchi scientifici e tecnologici) possono presentare progetti congiunti con le Università, l'ENEA, l'Asi ed altri organismi di ricerca.

Sarà premiata la collaborazione delle piccole e medie imprese - in qualità di partner tecnologici - con le Grandi imprese, laddove la PMI partecipi alle attività di ricerca (per almeno il 35% dei costi preventivati e ritenuti ammissibili).

Risorse aggiuntive a valere sul Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) pari a complessivi 100 milioni di euro saranno utilizzate per cofinanziare interventi che prevedono la realizzazione di una quota di attività al di fuori delle Regioni della Convergenza per un importo non superiore al 25% del costo complessivo del progetto di ricerca.

 

Fonte: riditt.it


EDUCATIONAL TOUR E MANIFESTAZIONI TURISTICHE: AVVISO DI GARA

Indetto dalla Regione Puglia un “Avviso di gara”, a procedura aperta, per l’affidamento del servizio di realizzazione e gestione delle attività correlate a Educational Tour, manifestazioni e iniziative a valenza turistica compresa l'organizzazione di specifici eventi a finalità di promozione territoriale.

Possono partecipare alla gara le società e le imprese individuali, in forma singola o associata, anche in raggruppamenti temporanei di concorrenti oppure in consorzi ordinari di concorrenti.

Il servizio sarà avviato dalla data di stipula del contratto ed avrà durata triennale.

Le domande, redatte nella modalità indicate nel Bando ( disponibile su www.regione.puglia.it), devono pervenire entro le ore 12,00 del 20 aprile 2010 all'indirizzo:

Regione Puglia

Area Organizzazione e Riforma dell’Amministrazione

Servizio Affari Generali - Viale Caduti di tutte le Guerre, 15 - 70126 BARI

 

Per i documenti e le informazioni rivolgersi a :

dott.ssa Raffaella Ruccia – tel .0805404075/3648

fax : 0805403473r.ruccia@regione.puglia.it

 

Fonte: regione.puglia.it


PRINCIPI ATTIVI - BANDO 2010

Scadenza giugno 2010

 

Nuova edizione del bando Principi Attivi - giovani Idee per una Puglia migliore, l'iniziativa della Regione Puglia che finanzia progetti ideati e realizzati da giovani pugliesi. Come preannunciato al Bollenti Spiriti Camp, il meccanismo di funzionamento resta sostanzialmente uguale alla precedente edizione: una buona idea, minimo due persone, un contributo fino a 25.000 € e un anno di tempo per realizzare le attività proposte.

Come la scorsa volta, è stato realizzato un dispositivo semplice e "usabile" anche per chi non ha una specifica esperienza nella redazione e gestione di progetti. Solo la data di scadenza è stata posticipata rispetto a quanto inizialmente previsto: per favorire il coinvolgimento di tutti i giovani pugliesi, il bando resterà aperto fino al prossimo 14 giugno.

Inoltre, in base all'esperienza maturata nella relazione con imprese, associazioni di categoria e altri attori sociali interessati al contenuto dei progetti, è stato inserito nel formulario un sistema "a tag" che aiuterà a cercare con facilità i diversi progetti riguardanti una certa tematica.

Si ricorda che potranno presentare progetti tutti i giovani cittadini (italiani e stranieri) residenti in Puglia, nati a partire dal primo gennaio 1977 e che abbiano compiuto 18 anni alla data di presentazione della domanda. E' possibile presentare una sola proposta progettuale e, com'è ovvio date le finalità di Principi Attivi, non potranno partecipare i vincitori della precedente edizione del bando. Non essendo al momento disponibili le risorse del Fondo Nazionale Politiche Giovanili, con le quali è stato finanziato parte del precedente bando, questa edizione di Principi Attivi è interamente finanziata con risorse del Bilancio della Regione Puglia. Al momento i fondi disponibili ammontano a 2.200.000 Euro con i quali, in base all'esperienza del precedente bando, si potranno finanziare da 90 a 100 progetti.

Invitiamo tutti gli interessati a leggere con la massima attenzione il bando e la documentazione utile per candidarsi. Trovate tutti i file scaricabili e altre informazioni utili alla pagina “Principi Attivi 2010” (http://bollentispiriti.regione.puglia.it ).

 

Fonte:  http://bollentispiriti.regione.puglia.it

BIT MILANO - PUGLIA SHOW

AUTOIMPIEGO DI LAVORATORI SVANTAGGIATI -AVVISO PUBBLICO - "WELFARE TO WORK"

Pubblicato con Determinazione del Dirigente Servizio Lavoro e Cooperazione n. 54 del 10 febbraio 2010, nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 32 del 18 febbraio 2010.

Avviso Pubblico per la presentazione di richieste di accesso agli incentivi per l'autoimpiego di lavoratori svantaggiati destinatari degli interventi previsti dall'Azione di Sistema.

L’intervento prevede la concessione al singolo soggetto, appartenente ai destinatari di cui al successivo paragrafo D, di un contributo di €. 25.000,00 (euro venticinquemila/00) – al lordo delle ritenute di legge - per coloro che intendono inserirsi/reinserirsi nel mercato del lavoro, attraverso la realizzazione di attività di autoimpiego o creazione d’impresa.

Sono destinatari dell’intervento, e pertanto possono presentare domanda di partecipazione al presente Avviso Pubblico, i soggetti residenti nel territorio della Regione Puglia inseriti nella progettazione esecutiva Regionale dell’Azione di Sistema Welfare to Work innanzi indicata, appartenenti alle seguenti categorie:

A. Percettori/percettrici di AA.SS., anche in deroga, rientranti nell’Azione di Sistema

Welfare to Work, sottoscrittori di “Patto di Attivazione”;

B. Over 45 privi di un posto di lavoro;

C. Collaboratori a progetto in regime monocommittenza (iscritti al centro per l’impiego

e privi di contratto da almeno sei mesi o che, iscritti da almeno sei mesi alla Gestione

Separata dell’Inps, abbiano prestato la loro opera presso aziende interessate da situazioni

di crisi);

D. Giovani (d.lgs n.297/2002) con carriere discontinue disoccupati/e da oltre 24 mesi

(si intendono lavoratori/lavoratrici che non percepiscono alcuna indennità o sussidio legato

allo stato di disoccupazione e che alla data del presente Avviso pubblico abbiano instaurato

uno o più rapporti di lavoro per una durata complessiva di almeno 6 mesi);

E. Disoccupati/disoccupate da oltre 24 mesi (d.lgs n.297/2002);

I soggetti appartenenti ai target di cui sopra non devono trovarsi nelle condizioni di beneficiare del trattamento pensionistico di anzianità, invalidità o assegno triennale di invalidità nell’anno in corso e nei due anni successivi.

Ulteriori informazioni su: www.sistema.puglia.it .

 

Fonte: sistema.puglia.it

E' NATA “EXPORT BANCA”

E' stato firmato nei giorni scorsi dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti il decreto in tre articoli che autorizza e disciplina il funzionamento dell'Export banca, il sistema integrato Sace-Cdp (Cassa depositi e prestiti) - la prima in veste di garante, la seconda in qualità di finanziatore tramite il risparmio postale - a supporto dell'Export.

L'obiettivo è duplice: sostenere l'internazionalizzazione delle imprese italiane e migliorare le condizioni del credito all'esportazione, calmierando i tassi.

Il provvedimento, è ora in attesa della registrazione della Corte dei Conti e della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Export banca in realtà non è una banca ma un sistema, il cui potenziale economico è stimato sui 10 miliardi di euro, articolato in tre diverse modalità di finanziamento per l'esportazione, tutte caratterizzate da un credito garantito dalla Sace ed erogato a condizioni di mercato. Una formula "copiata" a Francia e Germania che evita di sconfinare nell'ambito degli aiuti di stato.

La garanzia della Sace, come stabilito nell''articolo n.1 del decreto, permetterà alla Cdp di fornire la provvista alle banche per il credito all'esportazione e l'internazionalizzazione delle imprese, attingendo al risparmio postale.

L'articolo n.2 fissa il tasso d'interesse massimo del credito all'esportazione, in questo modo lo spread applicato dalla banca in funzione al rischio di credito dovrebbe essere basso e vantaggioso per cliente finale, ma comunque oggetto di trattativa.

L'articolo n.3 descrive l'alternativa, per operazioni superiori ai 25 milioni di euro, nel caso in cui le banche dovessero rinunciare all'export banca: un finanziamento indiretto che prevede l'erogazione del finanziamento alla Sace che provvederà poi a trasferirlo all'impresa.

 

Fonte: www.pmi.it

"WELFARE TO WORK " AZIONI DI SISTEMA PER IL RE-IMPIEGO

E' stato approvato con atto del Dirigente Servizio Lavoro e Cooperazione n. 38 del 5 febbraio 2010, pubblicato nel B.U.R.P. n. 26 dell'11 febbraio 2010, il primo Avviso Pubblico del programma "Welfare to Work" finalizzato all' Azione di Sistema per le politiche di "Re-Impiego".

Con il presente Bando, la Regione intende incentivare le assunzioni con contratto a tempo indeterminato di soggetti svantaggiati residenti in Puglia, da parte delle imprese operanti sul territorio regionale, anche attraverso un innalzamento delle competenze con la concessione di una "dote formativa" che favorisca la ricollocazione degli stessi.

L'Avviso pubblico infatti prevede interventi suddivisi in due Azioni:

·      Azione A - Per l'assunzione a tempo indeterminato part-time o full time con orario non inferiore a 30 ore settimanali, è prevista l'erogazione alle imprese di un contributo straordinario concesso nell'intensità massima del 50% del costo salariale lordo calcolato nei 12 mesi successivi all'assunzione e comunque per una somma non superiore a euro 12.000,00. Le imprese, potranno presentare domanda di incentivo a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ed entro e non oltre le ore 13,00 del giorno 15 ottobre 2010. Il plico dovrà essere consegnato, pena l'esclusione, esclusivamente a mano all'Ufficio Politiche attive del Lavoro della Provincia competente per territorio in cui l'azienda assume il lavoratore. Inoltre, la busta, debitamente sigillata, contenente la domanda, dovrà riportare l'indicazione della "Ragione sociale" dell'impresa e la seguente dicitura: "Welfare to Work- Azione di sistema per le politiche di re-impiego" - "Avviso pubblico per le Imprese" : domande di incentivo all'assunzione di lavoratori/lavoratrici svantaggiati e di concessione di una dote formativa per azioni di adeguamento delle competenze.

·      Azione B - Per ciascun lavoratore è prevista la concessione di una dote formativa - di importo variabile compreso tra 1.500,00 e i 4.500,00 euro, al lordo delle imposte e/o ritenute dovute per legge - qualora lo stesso non ne abbia già usufruito nell'ambito del proprio piano di azione individuale. La dote è finalizzata, pertanto, all'adattamento delle competenze dei lavoratori assunti e dovrà cominciare subito dopo l'assunzione. Le aziende dovranno manifestare la propria volontà di usufruire dell'incentivo e inviare il piano formativo (Allegato 5) della domanda all'Amministrazione Provinciale di competenza unitamente alla richiesta di contributo per l'assunzione, pena l'inammissibilità dell'istanza. Inoltre, l' azienda che risulta ammessa a contributo dovrà presentare, la richiesta di dote formativa (Allegato 7) con dichiarazione del legale rappresentante di avvio dell'attività, entro e non oltre 10 gg. dall'assunzione del lavoratore.

La documentazione dovrà essere inoltrata esclusivamente a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo:

Regione Puglia - Servizio Politiche Attive del Lavoro -

Ufficio politiche per l'occupazione - via Corigliano,1 Z.I. - 70123 Bari.

Il plico, debitamente sigillato, contenente la documentazione di cui sopra, dovrà riportare l'indicazione della "Ragione sociale" dell'impresa e la seguente dicitura, pena l'esclusione dell'istanza:

"Welfare to Work- Azione di sistema per le politiche di re-impiego" - "Avviso pubblico per le imprese" : domanda di concessione di una dote formativa per azioni di adeguamento delle competenze.

Le informazioni potranno essere richieste a Italia Lavoro SpA - tel. 080.5498111.

 

Fonte: www.sistema.puglia.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione