Giovedì, Gennaio 18, 2018

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

IMPRESE, URSO: “APPROVATO IL NUOVO FONDO PER L’EXPORT”

 “Le imprese che esportano hanno finalmente un nuovo strumento a loro disposizione, il fondo per l’internazionalizzazione, di circa 300 milioni di euro, che prevede per le aziende che ne faranno richiesta tassi scontati (dal 40% al 15%), aumento delle quote erogabili (dal 10% al 30%), scoperto di garanzia fino al 50% del finanziamento agevolato. In questa fase difficile della congiunta economica è un sostegno concreto a chi scommette sull’internazionalizzazione come arma vincente per agganciare la ripresa”. È quanto afferma Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero che informa come il Comitato Agevolazioni ha dato il via libera definitivo alla riforma degli strumenti di agevolazione finanziaria all’internazionalizzazione a valere sul Fondo 394/81, innovandoli per venire incontro alle esigenze delle imprese che operano sui mercati esteri creando il nuovo strumento della patrimonializzazione pensato per favorire l’export delle PMI. In particolare si è introdotta la riduzione del tasso agevolato applicabile: che passa dal 40% al 15% del tasso di riferimento, l’aumento della quota erogabile a titolo di anticipo (dal 10% al 30%), l’ammissibilità delle spese sostenute dall’impresa sin dalla data di presentazione della domanda (e non più dall’accoglimento della stessa) e, in tema di garanzie, la possibilità di concedere condizioni più favorevoli per le PMI sulla base della loro affidabilità e capacità di rimborso. In particolare per le PMI “meritevoli” è previsto uno scoperto di garanzia sino al 50% del finanziamento agevolato concesso. Con il nuovo strumento finanziario si è rafforzato anche il patrimonio delle PMI esportatrici per renderle più competitive sui mercati esteri. L’intervento consiste in un finanziamento agevolato concesso a fronte dell’impegno dell’impresa beneficiaria di migliorare/salvaguardare nel tempo la propria solidità patrimoniale e di continuare le azioni di sviluppo della propria presenza all’estero. Lo strumento è finalizzato, grazie all’intervento della SIMEST, a migliorare la solidità patrimoniale e le dimensioni delle PMI, che, poi, sono i maggiori ostacoli all’internazionalizzazione delle nostre imprese.

 

Fonte: mincomes.it

TURISMO 2010 - ENIT: "2010 DI RIPRESA, ATTESI 40 MILIONI STRANIERI"

 La crisi sembra davvero alla spalle per la prima azienda italiana, quella del turismo. Dopo i buoni dati di Pasqua, anche le previsioni per l'estate sono molto positive. A certificarlo è l'Ente nazionale del turismo che ha presentato i dati degli Uffici ENIT-Agenzia all'estero raccolti presso i Tour Operator stranieri che commercializzano il nostro Paese nelle loro proposte turistiche. Ebbene, quello in corso sarà l'anno del riscatto per il comparto che tornerà ad ospitare gli stranieri. ''Il 2009 - spiega il presidente Enit Matteo Marzotto- e' stato un anno di grande trauma, dopo dieci anni di crescita, e la coda del 2009 sarà più lunga di quello che ci immaginiamo. Il 2010, però, dimostra una certa reazione e per questo ipotizziamo 40 milioni di arrivi, per 4,5 giorni medi di presenza. Non escludiamo quindi di poter tornare ai dati del 2008, anno pre-crisi''. "Abbiamo un osservatorio che sono le nostre 26 sedi di lavoro che coprono vari Paesi e che hanno un rapporto quotidiano con i tour operator. Con loro - continua Marzotto - facciamo ogni anno il punto sulla stagione estiva a partire dalla Pasqua, che rappresenta un test importante. Il 71% degli operatori dichiara che nel 2010 la destinazione Italia avrà un aumento dei flussi turistici e ci dice che è una delle tre destinazioni preferite. In base agli ordini si aspettano per il 2010 una crescita a doppia cifra. E la conferma viene dal Wto che indica il turismo globale in crescita nel 2010 del 3-4%". Insomma, cambia il modo di fare le vacanze, ma non cambia la forte attrattiva internazionale del nostro Paese. Prenotazioni fatte a ridosso delle festività, soggiorni brevi, magari ripetuti nel corso dell'anno e richieste più volatili, stanno rimodulando la domanda degli ospiti stranieri che tendono ad essere più attenti al rapporto qualità/prezzo, ma non a rinunciare alle proposte interessanti delle vacanze italiane. [...]

 

Fonte: affaritaliani.it

VINITALY “PORTA DI ACCESSO” PER I VINI EUROPEI IN CINA

 Firmato un protocollo d’intesa tra Veronafiere e il Trade Development Council di Hong Kong (HKTDC). L’Italia Paese partner dell’Hong Kong International Wine & Spirits Fair nel 2011

 

Vinitaly diventa la porta di accesso per il vino europeo in Cina e Asia grazie al protocollo d’intesa siglato tra Veronafiere e il Trade Development Council di Hong Kong (HKTDC), organizzatore dell’Hong Kong International Wine & Spirits Fair. Un accordo reso possibile anche dall’importante collaborazione con il Ministero delle politiche agricole, l’ICE, Buonitalia, Federvini, UIV. Hong Kong rappresenta uno sbocco commerciale particolarmente interessante per i vini italiani, soprattutto dopo la decisione del governo locale di abolire l’imposta sul vino e la birra nel 2008, che ha permesso alla città di diventare importante hub per il vino in Asia.

Nel 2009, l’Italia ha esportato a Hong Kong vino per un valore di 9 milioni di euro (12 milioni di dollari Usa), con una crescita di quasi il 20% rispetto all’anno precedente.

Come parte dell’alleanza strategica, l’HKTDC ha annunciato che l’Italia sarà Paese Partner per l’Hong Kong International Wine & Spirits Fair del 2011 e Veronafiere metterà a disposizione il know-how di Vinitaly. Altre attività includono il coordinamento e la promozione di eventi e attività nel corso delle due manifestazioni, lo scambio di informazioni di mercato e la presenza di delegazioni ufficiali dell’HKDC a Vinitaly.

Secondo i dati, l’importazione di vino in Cina cresce annualmente del 30% e si prevede che raggiungerà il 58% di tutto il mercato del vino d’importazione in Asia (Giappone escluso). A Hong Kong alla fine del 2009 - meno di due anni dalla rimozione delle tasse sul vino - le importazioni sono cresciute dell’80% e hanno raggiunto un valore di 412,5 milioni di dollari Usa. Nei prossimi due anni si prevede che le vendite del vino rosso italiano a Hong Kong cresceranno del 36%, mentre per il vino bianco del 38% entro la fine del 2012; per il vino rosé è previsto un incremento del 20% nello stesso periodo.

 

Fonte: ItalPlanet News

PER LA PUGLIA, UNA “VETRINA” A MENDOZA

 È operativo il Desk della Regione presso la Camera di Commercio Italiana della città argentina. Obiettivo: supportare le imprese pugliesi interessate al mercato sudamericano

È stata approvata con Delibera del Consiglio Regionale della Puglia, la creazione di un Desk della Regione Puglia presso la sede della Camera di Commercio Italiana di Mendoza. Il Desk mira a generare iniziative in favore dell’internazionalizzazione delle aziende pugliesi nell’Argentina e nel resto dell’America Latina, così come a promuovere associazioni equity e non equity e collaborazioni imprenditoriali tra aziende della Puglia e aziende dell’America Latina.
Il Desk serve inoltre come centro per lo sviluppo di programmi imprenditoriali, commerciali, tecnici, formativi e culturali; come sede per la Commissione prevista nell’accordo Puglia-Mendoza; come punto di collegamento per lo sviluppo del programma FOSEL nell’Argentina.

Il Desk Puglia a Mendoza opera inoltre in collegamento con gli altri Desk regionali presenti nel mondo, e organizza iniziative finalizzate alla promozione della cultura pugliese in ambito locale.

 

Fonte: ItalPlanet News

BANDO TITOLO II TURISMO

 BENEFICIARI Piccola impresa: che occupa meno di 50 dipendenti e realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiori a 10 milioni di euro.

OBIETTIVO Favorire lo sviluppo delle attività economiche delle piccole imprese turistiche facilitando l'accesso al credito.

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO Progetti di investimento di importo non inferiore a € 30.000 per:

·        l'ampliamento, l'ammodernamento e la ristrutturazione delle strutture turistico - alberghiere, ivi comprese le strutture di servizi funzionali allo svolgimento dell'attività (quali bar, palestre, piscine, centri benessere, ecc.) nonché gli interventi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche, al rinnovo e aggiornamento tecnologico, al miglioramento dell'impatto ambientale;

·        la realizzazione di strutture turistico - alberghiere attraverso il recupero ed il restauro di una pluralità di trulli e case rurali esistenti, antiche masserie, torri e fortificazioni, castelli, immobili di particolare pregio storico - architettonico, compresa la realizzazione di strutture di servizi di cui al punto precedente;

·        la realizzazione o l'ammodernamento degli stabilimenti balneari, ivi compresi gli spazi destinati alla ristorazione e alla somministrazione di cibi e bevande, ai parcheggi ed ai punti di ormeggio;

·        la realizzazione e/o la gestione di approdi turistici.

 

 

Fonte: sistema.puglia.it

PRESENTAZIONE MUD, DECRETO DI PROROGA AL 30 GIUGNO

 Sarà presentato al Consiglio dei Ministri di venerdì prossimo uno schema di decreto legge per la proroga al 30 giugno del termine di presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) che era fissato per il 30 aprile.
Lo ha annunciato il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. Il decreto che sarà esaminato la settimana prossima dal CDM consentirà inoltre alle aziende di utilizzare un modello cartaceo di MUD, aggiornato con le indicazioni relative ai rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, e non il MUD elettronico che era stato introdotto nel dicembre del 2008 e che sarebbe dovuto entrare in vigore con la dichiarazione di quest’anno.
In pratica, in attesa dell’entrata in funzione nei prossimi mesi del SISTRI - il nuovo sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti - per la dichiarazione da presentare con riferimento all’anno 2009 si procederà come in passato, con il “vecchio” sistema cartaceo. Ciò per risparmiare alle imprese che stanno affrontando il complesso processo di adozione del SISTRI adempimenti e oneri che il nuovo regime SISTRI sostituirà integralmente.

 

Fonte: www.minambinte.it

ABBIGLIAMENTO E TESSILI - TOKYO: MOSTRA AUTONOMA "MODA ITALIA"

Dal 05 - 07 luglio 2010

Scadenza 26 aprile 2010

L'ICE organizza la 37° edizione della Mostra Autonoma “Moda Italia in Giappone - sezione Abbigliamento, che si terrà a Tokyo dal 5 al 7 luglio 2010. All'evento saranno presentate le collezioni primavera/estate 2011. Sono invitate a partecipare le aziende del comparto donna, uomo, abbigliamento pelle e pellicceria, bimbo, sposa, intimo/mare e accessori moda. Per ulteriori dettagli consulta la circolare informativa disponibile sul portale www.ice.it.

Per informazioni: Francesca Tango, tel. 06.5992.6835, email: f.tango@ice.it - Francesca Carli, tel. 06.5992.6897, email: f.carli@ice.it.

 

Fonte: www.ice.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione