Lunedì, Maggio 21, 2018

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

San Pietro Vernotico

A San Pietro Vernotico si trovano le cantine della Cooperativa Agricola "Santa Barbara", nel centro di una terra in cui la natura, regalando ad essa un clima temperato, ha favorito la crescita incontrastata di vigneti ricchi di uve pregiate. A San Pietro Vernotico si coltivano infatti alcuni tra i più pregiati vitigni, dai quali si estraggono, a vanto della nostra produzione, il "Brindisi D.O.C." e lo "Squinzano D.O.C.", vini da veri intenditori, poichè dotati di profumi e bouquet inimitabili.
Nella Cooperativa, la produzione degna di vanto è quella legata ai tipici vini del Salento: il "Bianco" ed il "Rosato" sono difatti vini di grande qualità prodotti con moderne tecnologie.
Inoltre il gioiello rappresentativo di queste Cantine, prodotto in quantità limitata, data la sua particolare lavorazione, nonchè la lunga maturazione in botti di rovere, è tuttavia il "Barbaglio": un vino rosso dalle caratteristiche tipiche degli uvaggi "Negro Amaro" e "Primitivo".

Manduria

A Manduria, l’Accademia dei Racemi, azienda nata nel 1992 dall’unione fra vignaioli ed esperti di enologia, accomunati dalla passione per la viticoltura di qualità. La degustazione dell’ottimo Primitivo di produzione regalerà sensazioni di grande piacevolezza, grazie al vivace colore rosso rubino, all’eccellente profumo, al seducente contatto con il palato.

Mesagne

Mesagne è conosciuta per la presenza di un imponente castello e di uno splendido Frantoio Ipogeo sapientemente riportato alla luce e trasformato in vinoteca. Vi ritroveremo il Primitivo di Manduria “Accademia dei Racemi”, esaltato dal perfetto abbinamento con i migliori piatti tipici della cucina tradizionale, in particolare primi piatti a base di sughi rossi, secondi con squisite carni locali e gran finale con dolci di mandorle. Affascinante viaggio nella terra del Primitivo con il video proiettato nel corso delle degustazioni.
Nel pomeriggio visita presso la Cantina della Riforma Fondiaria che sorge al centro dell'antica Terra dei Messapi inserita nella Strada del vino n. 7. Qui il turista potrà ammirare lo spaccio aziendale dove vengono venduti i prodotti dell'azienda, ovvero vini sfusi e in bottiglia, oli vergini ed extra vergini di oliva.

San Vito dei Normanni

A San Vito dei Normanni il visitatore avrà l'opportunità di visitare due importanti Musei ambientati in un Convento dei Padri Domenicani, Il Museo dell'olio d'Oliva e il Museo di Cultura Contadina con strumenti, oggetti e testimonianze dell'attività agricola.
Proseguendo a soli 4 km. nella stupenda e suggestiva campagna pugliese, l'agriturismo "Tenuta Deserto" accoglierà i suoi visitatori nei suoi 70 ettari di uliveti, pascoli e boschi di querce e lecci.
Il piano terra della casa principale è sostenuta da grandi volte a stella in pietra, è luogo ideale per incontri tra gli ospiti, conversazione e svago. Ai visitatori verranno serviti gustosi e tipici piatti di cucina locale. Inoltre il proprietario consentirà l'ingresso alla cantina per gli ospiti che vorranno degustare selezionati vini della Regione.

Carovigno

Per il turista che ama la natura si consiglia una passeggiata attraverso i paesaggi e gli ambienti de “La Riserva Naturale dello Stato di Torre Guaceto” presso Carovigno. Le guide del parco accompagneranno i partecipanti lungo i sentieri dell'area protetta per scoprire insieme gli ecosistemi. La parte agricola della Riserva risulta occupata da seminativi e da oliveti secolari che qualificano notevolmente il paesaggio agrario dell’intera area.
Gli oliveti storici occupano una superficie di 260 ettari e ricadono in un’area omogenea e ben definita, corrispondente alle ultime pendici della zona collinare murgiana. Le piante secolari di olivo appartengono alla varietà Ogliarola Salentina.
Successivamente è prevista una sosta rifocillante presso il ristorante Settimo Cielo che sorge nella cittadina di Carovigno immerso nel verde della Puglia. La struttura offre tanta tranquillità e serenità al turista, in una atmosfera romantica, dove è possibile la degustazione di olio extravergine e liquori prodotti dalla proprietaria.

Villa Castelli

La coltura prevalente della zona è l'olivo. Si tratta di patrimonio di assoluto valore paesaggistico che caratterizza, con la monumentalità delle singole piante, il paesaggio di queste contrade. All'olivo si alternano i mandorleti, i vigneti e in misura minore i seminativi, quasi sempre connessi alle grandi masserie.
Per il pranzo è prevista una sosta alla Masseria Montedoro, una struttura risalente al 1807 composta da trulli e da un vecchio fabbricato. Annesso alla masseria l'interessantissimo "Museo della Civiltà del Trullo". Il Museo costituisce una preziosa testimonianza di quello che la civiltà contadina Messapica ha prodotto nel passato. Realizzato all'interno di un suggestivo trullo, presenta una raccolta completa di utensili e prodotti che detta civiltà impiegava per la propria attività economica agricola

Ceglie Messapica

La coltura prevalente della zona è l'olivo. Si tratta di patrimonio di assoluto valore paesaggistico che caratterizza, con la monumentalità delle singole piante, il paesaggio di queste contrade. All'olivo si alternano i mandorleti, i vigneti e in misura minore i seminativi, quasi sempre connessi alle grandi masserie.
Per il pranzo è prevista una sosta alla Masseria Montedoro, una struttura risalente al 1807 composta da trulli e da un vecchio fabbricato. Annesso alla masseria l'interessantissimo "Museo della Civiltà del Trullo". Il Museo costituisce una preziosa testimonianza di quello che la civiltà contadina Messapica ha prodotto nel passato. Realizzato all'interno di un suggestivo trullo, presenta una raccolta completa di utensili e prodotti che detta civiltà impiegava per la propria attività economica agricola.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione