Territorio

San Giorgio Jonico

San Giorgio sorge a sud di Taranto, sul versante "Belvedere" del Monte Sant'Elia a 75 metri sul livello del mare. Le origini di San Giorgio Jonico si fanno risalire al III secolo a.C.; infatti, agli inizi del 1900 è stato rinvenuto, sul colle Sant'Elia, un insediamento dell'Età del Ferro e strutture ellenistiche e romane di Età Imperiale, nonché un'ampia necropoli del IV e III secolo a.C.. Lo sviluppo del borgo, comunque, si fa risalire al X secolo, quando profughi Cristiani di Taranto, che veniva saccheggiata dai Saraceni, si stabilirono nei pressi dell'attuale Chiesa Madre (Maria SS. del Popolo). Nuove migrazioni, nel XV secolo al seguito del condottiero albanese Giorgio Castriota Skanderbeg, popolarono S. Giorgio e altri comuni del tarantino orientale (oggi individuati come "Albania tarantina").

La popolazione di San Giorgio inizia a crescere rapidamente grazie a molti immigrati albanesi e a quegli abitanti che abbandonavano i casali limitrofi. Nel XVIII secolo Ferdinando II limia i privilegi feudali e procede a scorporare i latifondi. San Giorgio verrà suddiviso così in 350 quote, e da questo ha inizio la cultura contadina (della coltivazione e degli scambi dei prodotti agricoli) che sarà alla base dello sviluppo economico del centro. Ma gli strascichi feudali vengono di fatto abbandonati solo nel XIX secolo, questo sarà per San Giorgio il preludio per una forte crescita civile ed economica, che è continuata fino ai nostri giorni. Oggi San Giorgio è un grosso centro agricolo, la cui campagna circostante è popolata dalle masserie tipiche della zona e produce, soprattutto, olio e vino:

Il comune, che ha sempre risentito della forte vicinanza e influenza del capoluogo, ha avuto un notevole sviluppo nell'edilizia e nell'industria (ampliamento della zona industriale), con un conseguente e ulteriore aumento della popolazione.

Da vedere : la chiesa matrice Santa Maria del Popolo (XVIII secolo), eretta su antico luogo di preghiera, in stile barocco, ha unica navata con altare centrale ricco di marmi policromi e due altari laterali. Degni di nota i dipinti sui tre altari, il coro con antico organo a canne e scultura lignea del santo protettore San Giorgio Martire .

Quello che i suoi abitanti chiamano castello è in realtà un edificio piuttosto moderno innalzato dai conti D'Ayala-Valva agli inizi del 1900. Lo stile volutamente pretestuoso, fanno di questo edificio un monumento rappresentativo della storia di tale famiglia, che si identifica con la pluricentenaria storia di S. Giorgio Jonico, fondata probabilmente nel XIV secolo da esuli albanesi al soldo di Giorgio Castriota Skanderbeg.

Appena fuori dal centro abitato, in direzione Pulsano, si trova il complesso delle cave tufacee Le Tagghjate, in fase di rivalutazione.

 

ExpoTaranto Aziende

ExpoTaranto è il portale della Provincia di Taranto e vuole aumentare la visibilità delle aziende grazie ad uno strumento professionale che fa incontrare immediatamente le offerte delle diverse aziende del territorio con la domanda degli utenti. 

Se hai un'azienda rivendica la tua scheda e fatti contattare subito da chi sta provando a cercarti.

10633162
Oggi
Questa Settimana
Questo Mese
Totale
561
7708
27643
10633162

Your IP: 144.76.22.69
2018-09-23 09:57
© 2018 Soluzioni Web. All Rights Reserved.

Search

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione